Leggimi tra 20 anni

E’ una storia vecchia 100 anni. Esci con quella coppia di amici senza figli e ti senti così lontana da loro, senti che certe dinamiche non ti appartengono più.
E ti diranno che “al mattino non fanno assolutamente niente prima del caffè e della colazione”, e tu penserai che al mattino prima cambi i pannolini, poi lavi il bagno, sistemi i letti, stendi i panni di nascosto, prepari il pranzo, fate una passeggiata che “c’è il sole ed è un peccato stare a casa”, poi ti ricordi di dover fare colazione, che è già ora di pranzo. Ma sei felice così.
Ti diranno che “il lavoro è stressante, sfinisce, si arriva a sera distrutti” e tu penserai che a lavoro devi rimanere concentrata, perché sei una mamma, e devi dimostrare di essere sempre la stessa persona di prima, efficiente ed energica allo stesso modo, e che non hai tempo di sfinirti perché a casa c’è la parte divertente che ti aspetta. Ed è quando torni a casa a cucinare di corsa, sistemare, giocare, parlare con loro che cominci a sentire la stanchezza. Ma sei felice così.
Ti diranno che devi ritagliarti del tempo per te, per il tuo corpo, “anche solo 10 minuti al giorno” per fare un po’ di movimento. E tu penserai che semmai riuscissi ad avere dieci minuti liberi di certo non ti metteresti a fare ginnastica (semmai ti butteresti sul divano!) e che, comunque, tra prese in braccio, corse a gattoni, sali-scendi di passeggini dalla macchina, salite a casa con le buste della spesa, non credi che un po’ di ginnastica potrebbe dare benefici. E sei felice così.
Ti diranno che “il sabato sera si va al ristorante, perché dopo una settimana di lavoro non si ha proprio voglia di stare in cucina e si ha bisogno di rilassarsi”, e tu penserai che il sabato sera, a volte, è bello andare in pizzeria tutti insieme, e vi ritroverete a mangiare su un tavolo pieno di fazzoletti usati, posate cadute per terra e giochini, e non ci sarà nulla di davvero rilassante. Ma sei felice così.
Ti diranno che la domenica “bisogna riposarsi perché lunedì si ricomincia”, e tu sorriderai perché penserai che per te la domenica è come il martedì, e non esiste il “ricominciare” perché in verità non ti sei mai fermata. Ma sei felice così.
Ti diranno che, talvolta, si sentono apatici, privi di stimoli, senza forze e con la voglia di mollare tutto e partire. E tu penserai ai tuoi bambini, alla tua famiglia, e ti scoppierà il cuore, perché tutta quella felicità non si può contenere, e risponderai che anche tu a

image

volte sei stanca, ma senti di avere un’energia che non pensavi ti appartenesse, e una serenità così appagante che pensi finalmente di aver trovato la pace, perché loro sono il tuo posto nel mondo.

A domani…

ciao-sole-a-domani-3f7526cd-b119-46d7-b10a-f2e947fa93f0

Non dite “a domani” cosi’ tanto per dire.

Non dite ”  a domani” se non volte farvi sentire.

E neanche ” ci sentiamo, ci vediamo, a presto” per poi sparire.

Niente cuoricini, baci, “fatti sentire”.

Non fate promesse se non le sentite, se non ci pensate, o non le volete.

Date peso alle parole.

Date peso alle persone.

Serena di Caprio – Petali di me

 

Cosa

“Della sua fragilità in quell’istante amai proprio quello che dell’amore si paga più caro: l’assenza di calcolo e di misura che appartiene solo alle cose nate libere.”

image

Smoke

Sapete che succede quando non si è più abituati a ricevere amore? Succede che non ti fidi più, che preferisci stare solo. Succede che quando qualcuno ti dice “ti voglio bene” rispondi con un sorriso e pensi “come no”. Succede questo, non sei amato per molto tempo e, quando trovi qualcuno che ti ama davvero, muori di paura.

image

Non innamorarti…

musica-momenti-no

Non innamorarti di una donna che legge,

che sente troppo,

di una donna che scrive…

Non innamorarti di una donna colta, magra, delirante, pazza.

Non innamorarti di una donna che pensa,

che sa di sapere e che inoltre e’ capace di volare,

di una donna che ha fede in se stessa.

Non innamorarti di una donna che ride o piange

mentre fa l’amore, che sa trasformare

il suo spirito in carne, e ancora di piu’, di una donna

che ama la poesia (sono loro le piu’ pericolose),

o di una donna capace di restare mezz’ora davanti

a un quadro o che non sa vivere senza la musica.

Non innamorarti di una donna intensa, ludica,

lucida, ribelle, irriverente.

Che non ti capiti mai di innamorarti di una donna cosi’.

Perche’ quando ti innamori di una donna del genere,

che rimanga con te oppure no, che ti ami o no,

da una donna cosi’, non si torna indietro.

Mai.

Martha Rivera Garrido

 

 

Cime Tempestose

laurence-olivier-e-merle-oberon-in-una-scena-di-cime-tempestose-124111

Io non gli espressi mai il mio amore  a parole;

ma se gli sguardi hanno un linguaggio, il piu’ grande idiota

avrebbe capito che avevo perso la testa.

Cime tempestose – Emily Bronte

Estranei

tumblr_m3pluwU6BF1rs1plmo1_500

Lui tornera’ ad essere un estraneo dopo che avrete fuso

le vostre vite in una sola, vi siete confidati i segreti piu’ nascosti e

avrete abbattuto il muro di qualunque pudore.

Sarete due estranei anche se conoscete

il ritmo del vostro sonno, i vostri odori, le vostre abitudini.

Due estranei che si conoscono meglio di chiunque altro

e le cui vite non si incroceranno mai piu’

se non per caso.

Alessandro Baricco